“L’IPO per me è stato un trampolino di lancio a livello professionale, per il mio ruolo di dealer ai tavoli. Essere diventata la madrina di questo super evento e portarne addosso l’immagine non può che rendermi felicissima perché so quanto vale questo brand, quanto piace ai player per struttura, field, prize pool e il grande prestigio che regala a chi lo vince. Per il futuro vi dico di stare connessi perché ci sono tantissime novità in vista!”. Che carattere Giulia Beretchi, la nuova madrina di IPO, il torneo che sta riscuotendo successo in tantissime location differenti e che continua a far parlare di sé proprio per le caratteristiche elencate dalla bella dealer. O ex dealer, chissà. Intanto Andrea Rocci, ceo di IPO e il suo staff, l’hanno conosciuta ancora meglio a San Marino, torneo da 1.388 entries, e da lì è nata l’idea di rivestire la bella Giulia del brand tricolore. Una madrina sui generis perché, come dice lei stessa (e non possiamo che concordare) la scelta è ricaduta su di lei “perché faccio già parte del mondo del poker da diversi anni”.

In effetti Giulia è una dealer conosciutissima ma che non passa assolutamente inosservata per la sua bellezza e per la sua competenza: “Ho iniziato nei poker club e l’IPO è stato il primo torneo importante per cui ho lavorato. E questo evento mi ha cambiato la vita professionale visto che mi ha sempre agganciato a tante opportunità lavorative ed è dai primi IPO che è iniziata la mia carriera da freelancer nel mondo del poker”. Una bella scalata per una professionista che tutti i players già conoscono molto bene: “Ho iniziato a lavorare per diversi format e in tanti casinò anche all’estero – racconta Giulia – amo molto viaggiare e questo lavoro mi ha reso molto felice e mi ha fatto crescere a livello umano e professionale proprio perché seguire tanti eventi differenti significa viaggiare in tantissimi posti diversi. E questo mi piace molto”.

Ma IPO rimane IPO? “Sono stata presente a molte tappe di questo magnifico torneo e devo dire che resta uno dei migliori format live per il quale mi ha fatto tanto piacere lavorare. Ho sempre visto sempre tantissimi giocatori conosciuti ai tavoli perché è un torneo cui nessuno vuole mancare visto che i montepremi sono sempre molto importanti e, dal tavolo, posso dire che i players apprezzano molto la bellissima struttura di gioco”.

E il futuro, per quello che è già noto, è molto importante: “ Chi ha già partecipato in passato all’IPO sicuramente non perderà occasione di essere presente già nei prossimi tornei. A Nova Gorica, dal 12 al 17 marzo, in palio ci sarà mezzo milione di euro e a Sanremo un milione garantito che, nel corso del 2020, non sarà così facile trovare in un casinò italiano – sottolinea Giulia – ma ci sono tanti nuovi progetti per l’IPO che lo faranno solo crescere ancora di più e sono davvero onorata di poter far parte di tutto ciò e rappresentare con la mia immagine un torneo così importante”.

Share This