Un Day1C di IPO 888Poker San Marino con due livelli ancora per iscriversi e tre da giocare che viaggia finora sulle 257 entries e 96 players mentre scriviamo. 

Protagonisti a corrente alternata gli ex vincitori delle precedenti edizioni di IPO. 

Partiamo da Fernando Colazzo raddoppia su Maurizio Giuseppucci che fino a quel momento veleggiava a quota 230.000 chips. Apre utg1 4.000 e trova il call da mp di Fernando Colazzo e dal bottone di Giuseppucci. 

Flop: 5 fiori 10 cuori 9 picche, check, check e 6.500 di Giuseppucci che trova un fold ma un raise all in di Colazzo per 39400 totali. Call di Maurizio che gira top two con 9-10 Colazzo si presenta con un oesd, QJ. 

Turn 4 quadri e River K fiori per la scala che porta Colazzo quasi in average che in quel momento è sulle 94mila chips quando sono oltre 100 i players in gioco con 256 entries. 

Annaspa Luca Delfino, vincitore di IPO San Marino gennaio 2019, che poi trova la fine dell’ennesimo bullet sparato in questa tappa, contro un altro storico vincitore del super format internazionale, Claudio Daffinà. Questioni di kicker con Claudio che apre e si appoggia Delfino. Esce un 7 su un board dry e Luca fa check. Daffinà esce di 6000 chips (livello 800/1600), resti di Delfino e gioca Claudio. A7 vs 78 offsuited e l’Asso kicker basta per Daffinà che vola a circa 300mila gettoni. 

A contendersi la chip leading momentanea quando mancano 3 livelli di gioco, ci sono Mario Ripepi sulle 300mila chips e Alberto Spigolon a quota 270.000 chips. 

A sopravvivere e a riportarsi sopra average è Nicola D’Anselmo che 3betta 18500 su un apertura da mp e l’originale kaiser si appoggia. 

A picche 8 picche 9 quadri e all in diretto dai bui di Nicola per 70mila chips. Passa l’avversario. 

Torneo stregato, invece, per Simone Recupero che si ritrova short ai resti K9 vs AK e per la beffa finale esce anche un Kappa al river. 

Altri count? In gioco la coppia dei Golden Boys, Jack Ravaioli a 120.000 chips e Monica Poggi sulle 50.000. Poi Andrea Rossiello di In The Zone a quota 65.000 mentre scende da 180.000 a 110.000 Christian Rotundo, Ring Wsopc Italy. Alessandro Scermino prova una delle ultime chance e ha in dote meno di 80mila chips lontano dall’average. 

Perdiamo, invece, Agazio Gerace. 

Share This