Simone Ferretti pigliatutto: sua la picca, la prima moneta e il Platinum Pass Pspc Barcellona

Nova Gorica – “Quando avevo la scala ho provato a fingere emozioni, a deglutire, a dare un reverse tell e alla fine Sebastiano Scarcelli ha chiamato col Jack quando  avevo chiuso scala al 5. Una grande soddisfazione visto che ho ripreso a giocare da qualche mese e dopo 4 giorni durissimi di poker ho vinto l’IPO e il sogno del Platinum Pass che non vedo l’ora di poter vivere”. Simone “Ferros80” Ferretti piazza il colpaccio e si porta via tutto: il ticket per il torneo milionario di Barcellona, il PokerStars Nlh Championship che si giocherà dal 20 al 24 agosto 2020 durante la tappa dell’est, la prestigiosa picca degli eventi live della room, e 105.000 euro dopo un deal con il runner up, Scarcelli. 

Un final table tecnicissimo e durissimo che si è sbloccato poco dopo la pausa cena quando Ferretti aveva ricevuto una notizia bruttissima: “Ho trovato una serie di chiamate dei miei e ho appreso che era morto un grandissimo amico di famiglia, praticamente un parente stretto e sono scoppiato a piangere – confessa il winner – non è stato facile rimettersi al tavolo e continuare a giocare anche se, nel dolore, ho trovato maggiori motivazioni e sono riuscito a mettere le mani sul primo posto”. 

Ha meritato il player che ha illuminato il tavolo con due 4bet decisive e un colpo con gli Assi contro Scarcelli che l’ha mandato in orbita e lo ha proiettato alla vittoria finale. Una delle due 4bet con A3 sull’apertura di Alessandro Giannelli con 10-8 suite a cuori e sulla 3bet di Roscan con KX. Tutti passano e Ferros80 cresce. Poi ancora una 4bet ma, stavolta con AK, sempre sull’apertura di Giannelli. 

Il colpo decisivo è stato quello che, a 4 left, ha spostato tutto dalla sua parte. Con AA setta sul flop ma Scarcelli con KJs a quadri, ha hittato un Jack e aperto un progetto di colore second nut. Al turn un 7 di cuori non cambia nulla. Un Jack al river fa scendere tutte le chips a Scarcelli mentre Ferretti chiude full house e sale in cima al count a 4 left. 

Poi in heads up, pronti via, c’è un ribaltamento di fronte ma Ferretti è bravo a non tiltare mai e a tenere una concentrazione altissima. Al final table ha mostrato una concentrazione mai vista e una qualità indiscutibile. 

Non era facile primeggiare contro uno Scarcelli che praticamente ha chiuso con una percentuale Vpip quasi del 50%: in pratica significa che ha messo le chips e ha aperto pre flop quasi sempre e con range apertissimi. Poco gli importava visto che hittava sempre sul board. A tre left, però, stava esagerando e ne stava per approfittare Roberto “Canabot” Canali, grinder online che poteva davvero compiere un’impresa e, dalla fine del Day3 quando era rimasto con 10x, è riuscito a vincere ben 51mila euro. 

Per Canali decisivo un call ad un all in di Andrei Roscan, altro grande protagonista del torneo, A10 vs AK e un 10 che elimina il rumeno in sesta piazza. Canali, invece, dopo aver raddoppiato su Scarcelli, è stato eliminato proprio da un A10 di Simone Ferretti, cui non servono aiuti dal board. 

All’heads up, come detto, vari ribaltamenti di fronte ma Ferretti recupera e aspetta il match point. Arriva quando spilla 5 picche 4 fiori e completa dal bottone. Scarcelli rilancia a 1,4 milioni e chiama il toscano. 

Flop: Q picche 2 picche 3 fiori, esce Scarcelli di 1,6 milioni e Ferretti gioca, pot importantissimo.

Turn: J fiori, check di Sebastiano, betta 2,4 milioni Ferros80 e call. 

River: A quadri, bet 2,7 milioni di Scarcelli e Ferretti manda tutto. Cerca di offrire qualche reverse tell, Ferretti, e probabilmente convince l’opponente a mettere tutto dentro. E così è con la scala che batte Scarcellla e mette le mani su tutti i super premi!

“Ora ho un anno di tempo per allenarmi per il Pspc e migliorare ancora di più anche grazie ai tanti amici che sono molto più bravi di me – spiega Ferretti – in generale il mio poker si è abbastanza evoluto ma tutti si credono i più forti del mondo ma non è affatto così”. 

Grandi festeggiamenti per l’amico Andrea Benelli e il poker toscano ma anche per tanti suoi follower al Perla Resort come Ilio Nerucci e tanti altri ancora. 

In quarta piazza è uscito Alessandro “aleppp” Giannelli. Il grinder online ha monopolizzato l’action per buona parte del final table ma, seppur giocando con range apertissimi, non ha avuto la stessa varianza positiva di Scarcelli, ad esempio. Per cui alla fine non è mai riuscito ad ingranare accorciandosi fino a uscire dal torneo. 

Di Roscan abbiamo detto, poi è toccato uscire a Marco Carravieri, player cont tantissimi risultati in carriera e da tanti anni, dalla nascita del poker per poi riprendere a giocare in un noto club di Milano e, adesso, nell’IPO Nova Gorica. Per lui decisivo il triple up con JJ contro Mario Llapi con AK e QQ di Roscan: un Jack sul board che lo rimette comodo sui 2,7 milioni chips. Poi si è accorciato senza mai entrare in partita fino ad uscire. 

Stessa storia per Francesco “IwasZiopippo” Elefante che poteva essere uno dei protagonisti. Perde subito chips e poi si ritrova sempre in situazioni in cui non poteva fare action o, se decideva di entrare in alcuni spot, rischiava di giocarsi tutto e non ha mai trovato l’action giusta per provare il double up. Poi uscirà in un colpo standard. 

Grande torneo da 1,156 entries e prize pool da 566.400 euro. Ora ci si rivede a San Marino dal 2 al 7 gennaio per un altro super evento da mezzo milione di euro garantiti. 

La top 20:

1. Simone Ferretti 125.000

2. Sebastiano Scarcelli 72.000

3. Roberto Canali 51.000

4. Havi Riera 40.000

5. Alessandro Giannelli 30.500

6. Andrei Roscan 22.540

7. Marco Carravieri 16.000

8. Francesco Elefante 13.000

9. Michael Piccoli 11.000 

10. Hu Lulei 10.000

11. Cosimo Sabatini 9.000

12. Gianluca Escobar 8.000

13. Antonio Rutigliano 7.000

14. Roberto Tassi 6.000

15. Eugenio De Marco 5.000

16. Raffaele Tagliaferri 5.000

17. Mario Llapi  5.000

18. Andrea Benelli 4.000

19. Roberto Monari 4.000

20. Giuseppe Tedeschi 4.000