L’Italian Poker Open da 1 milione di euro garantiti in programma dal 5 all’11 gennaio 2022 organizzato da PKLive360, si fa spazio all’interno della palazzina della Giochi del Titano della Repubblica di San Marino e offre più aree e maggiore comfort ai tantissimi players che, come al solito, popoleranno in gran numero i nuovi spazi in questione. Ben 80 tavoli da poker solo per il torneo e la room della Gt Poker dedicata esclusivamente al cash game oltre ad aree dedicate al food and drink e spazi per il personale. Ma non spoileriamo di più rispetto a quello che ci spiegherà il direttore generale della Giochi del Titano, Salvatore Caronia, per fare il punto su cosa troveranno i giocatori ad inizio anno nella struttura di gioco di Serravalle. 

QUI PER REGISTRARSI GRATUITAMENTE A IPO SAN MARINO!

“Sì, confermo, avremo un’area dedicata esclusivamente al torneo dove saranno dislocati 80 tavoli riservati all’IPO, per la fase torneo mentre è altrettanto vero che per il cash game che avrà dedicata tutta la Gt Poker room con oltre 20 tavoli a disposizione – spiega Salvatore Caronia -in più abbiamo sentito l’esigenza ulteriore di aprire altri spazi per gestire i flussi di persone nei momenti di pausa, di relax e di food e di drink”. 

Saranno spazi nuovi per chi conosce la struttura della Gt Poker ma dove saranno ricavati? “Il locale sarà adibito temporaneamente per questo evento ma l’abbiamo acquisito anche per il futuro. Non è una struttura definitiva per quello che abbiamo nei nostri progetti. Si tratta dell’ex Museo Maranello Rosso che in molti ricorderanno all’ingresso più basso della struttura dove si trova anche la Giochi del Titano e che abbiamo acquisito e recuperato e preso in gestione temporaneamente.  Tutti i tornei e i satelliti live si giocheranno in questi spazi, quindi”. 

Lo sforzo organizzativo è imponente: “Stiamo lavorando in maniera molto intensa per attrezzare queste aree affinché venga mantenuto un corretto equilibrio in grado di rispettare il comfort per il player. Anche a livello economico l’impegno è importante visto che dovremo integrare tavoli, sedie e tutto dovrà essere in linea con l’immagine della Gt Poker ma ci sono anche tantissime cose da sistemare per mettere a norma tutta l’area, impianti, uscite di sicurezza e tante altre cose che necessitano di un grande sforzo lavorativo”. 

E non è finita qui: “Oltre alle aree gioco ci saranno altri spazi che stiamo sistemando in vista dell’evento di gennaio 2022 – prosegue il dg Caronia – uno spazio sarà dedicato alla fase di gestione della cassa e per la registrazione ai tornei e un’altra area ancora al food and beverage, al ristoro insomma”. 

Sarà un impegno pazzesco che metterà a dura prova la struttura e l’organizzazione Gt Poker: “Per noi è un impegno non solo in termini di investimenti ma anche di personale. Al di la dei dealer (ci sarà anche un’area dedicata agli addetti, Ndr) che saranno tra i 130 e i 140 previsti per un evento del genere e anche queste persone andranno in pausa e a fumare e va tenuto conto del loro comfort e dei flussi che genereranno. Noi avremo anche un notevole dispiego di personale operativo alle casse e alle registrazioni per offrire le migliori prestazioni possibili ai players”. 

E il Covid-19? Ovviamente ribadiamo che non servirà né il Green Pass né qualsiasi altro documento per entrare in sala ma i protocolli sanitari, rimangono: “Purtroppo il virus ancora esiste e dobbiamo mantenere fermi i principi che usiamo da mesi e cioè la frequente igienizzazione delle mani e il mantenimento dell’obbligo della mascherina per evitare che insorgano difficoltà di qualsiasi natura. E’ anche questa una motivazione che ci ha spinto a trovare spazi più vasti sia per l’area gioco che per quella food e per i servizi ai players”. 

E poi, questi spazi, dopo l’IPO gennaio? “Intanto – conclude Salvatore Caronia – speriamo che il primo sia un successo come gli altri così cercheremo di promuoverne un altro nell’arco del prossimo anno. Ma crediamo che qualche evento verrà giocato nei prossimi mesi in quegli spazi. Comunque i lavori che stiamo facendo sono pensati per qualcosa di ancora più importante e per altri obiettivi”. 

Share This