Main Event WSOP Day3 – 9 azzurri in the Money! Marinelli top, Sammartino ok

Main Event WSOP Day3 – 9 azzurri in the Money! Marinelli top, Sammartino ok

Il primo vero crocevia del Main Event WSOP 2019 si è palesato questa notte: 2.880 superstiti e 1.286 in the money.

Alle 05.00 del mattino italiane è dunque scoppiata la fatidica bolla che ha condannato Ryan Pochedly (foto copertina). L’americano che ha chiamato l’all-in avversario su 37K 6 7 è stato costretto a muckare il suo A-K dinanzi al 6-7 suited, tribettato pre, del suo avversario. Pochedly può comunque consolarsi con il ticket per il Main 2020. Dopo lo scoppio della bolla, Jack Effel ha sancito la fine delle ostilità per la giornata in corso.

9 azzurri al Day4!

Alla riaperture delle buste erano in 19. Per 10 di questi, tra cui Max Mosele, Antonio Buonanno e Raffaele Sorrentino non c’è stato nulla da fare: tutti out fuori dai premi.

Day3 superlativo, invece, per Dario Marinelli, che da inizio torneo non intende staccare il piede dall’acceleratore, tutt’altro: il grinder azzurro residente a Malta, che vi avevamo già segnalato dal Day1, chiude addirittura a quota 919.000 chips ed è il migliore dei nostri.

Day3 indimenticabile anche per Nicola Bracchi, player bresciano su cui non abbiamo troppe info, ma che si è davvero disimpegnato alla grande, imbustando ben 661.000 pezzi. E lì dietro, chi c’è? Chi se non Dario Sammartino, che in un Day3 di gestione mantiene pressoché invariato lo stack con cui aveva iniziato: 552.000 gettoni per ‘MadGenius’.

Passano anche Gianluca Petrone, Domenico Gala, Alessandro Siena, Gianni Petroni, Ettore Ricci (che non avevamo segnalato in questi giorni per la bandiera Kenyota con il quale veniva segnalato) e Mauro Suriano.

Questo il count azzurro:

Dario Marinelli 919.000
Nicola Bracchi 661.000
Dario Sammartino 552.000
Gianluca Petrone 549.000
Domenico Gala 302.000
Alessandro Siena 215.000
Giovanni Petroni 153.000
Ettore Ricci 90.000
Mauro Suriano 89.000

Stokken chipleader

In testa al count, a quota 2.184.000 chips (su average 399.798), c’è il pro norvegese Preben Stokken, autore di una rimonta hollywoodiana. Stokken era infatti rimasto con appena una chips a inizio Day3! Ma come si suole dire in questo gioco “A chip’n’ a chair”. Una chip e una sedia sono sufficienti per continuare a sognare.

“Ho fatto un grosso bluff nel secondo livello di giornata. Ho puntato tutto il mio stack – ha rivelato ai colleghi di Pokernews – lasciandomi solamente una chip da 5.000 come card protector. Oppo è andato all-in e io sono stato costretto a foldare. Da lì in poi ho vinto una serie di double-up e sono riuscito a tornare in corsa. La svolta è arrivata nel penultimo livello di giornata: apro con A-A, un francese tribetta 40.000, io 4-betto 100.000, lui chiama. Su flop A92, oppo check/calla la mia c-bet 40.000. Sul 4 al turn, il mio avversario check/raisa all-in (per circa 600.000) la mia puntata a 100.000! Chiamo e gira 7-7… Un pazzo!”

Benissimo anche Galen Hall che continua ad aumentare il suo stack senza soluzione di continuità: il former PCA Main Event Winner chiude a quota 1.658.000 in quarta piazza provvisoria.

Ancora in corsa anche Chris Hunichen (1.618.000), Jean-Robert Bellande (1.126.000), Joseph Cheong (1.068.000). Antonio Esfandiari (740.000) e Gus Hansen (696.000), protagonista per larghi tratti al feature table.

Ancora vive le speranze di epocali bis per Chris Moneymaker (681.000), Qui Nguyen (669.000) e Johnny Chan (498.000).

Il torneo ripartirà alle 12.00 locali, le 21.00 italiane. Si ripartirà (per una manciata di minuti) da 3.000-6.000, big blind ante 6.000, dopodiché 4.000/8.000, 8.000. Com’on Guys! 😉

 

WSOP Main Event Day2 AB – Buonanno, Benso, Sorrentino e Crisari al Day3!

WSOP Main Event Day2 AB – Buonanno, Benso, Sorrentino e Crisari al Day3!

Dopo il surreale Day1C di ieri, il Main Event WSOP è ripartito regolarmente nella notte per dare spazio ai player qualificatisi nei primi 2 flight. Il Day2AB vedeva dunque ai blocchi di partenza 10 alfieri azzurri; purtroppo non tutti sono riusciti a sopravvivere. Ma andiamo con ordine.

Buonanno mattatore

Nel maggio 2014 Antonio Buonanno impresse il suo nome nell’albo d’oro del poker internazionale, scrivendo una delle pagine più belle del poker azzurro dell’ultimo lustro con il successo al Main Event EPT di Montecarlo. E dopo una vittoria del genere, vorrai mica avere il braccino alle WSOP? 😉 Antonio ha fatto valere tutta la sua esperienza chiudendo come chipleader azzurro e approdando al Day3 con ben 308.400 gettoni.

Bene anche Sergio Benso che chiude a quota 135.500. Giornata piuttosto complicata, invece, per Raffaele Sorrentino che riesce a imbustare solamente 55.000 gettoni. Ancor più critico il Day2 di Silvio Crisari che lunedì sera ripartirà con appena 5 blinds: 11.400 chips per lui.

6 player out

Se Sorrentino e Crisari hanno faticato, c’è a chi è andata sicuramente peggio: Marco Bognanni, Sergio Castelluccio, Giovanni Camardella, Alessio Di Cesare, Luca Vivaldi e Antonio Patti hanno dovuto dire addio ai sogni di gloria.

Timothy Su chipleader, in 1.098 al Day3

‘MVP’ di giornata l’americano Timhoty Su, capace di costruire un castello da 791.000 gettoni. Seguono il francese Tony Blanchadin (744.500) e il tedesco Anton Morgestern (735.000), che nel Main Event 2013 dilapidò in maniera clamorosa una monster chipleading a 18 left senza riuscire a raggiungere il final table.

Day2 eccelso anche per Galen Hall, che resta nella top 10 provvisoria ed è quinto a quota 705.900 chips. Bene anche il tribraccialettato Brian Yoon (643.400), e il Main Event Champion 2018 Quin Nguyen, 15° a 602.400.

Passano anche, sopra average, Andrè Akkari, Jeff Lisandro, Shaun Deeb, Igor Kurganov, Todd Brunson e Brian Hastings. Più attardati Scott Blumstein, Isaac Baron, David Bach, Paul Volpe, Philip Hui e Allen Cunningham.

Ancora in gioco, ma decisamente bisognosi di un 2-up alla ripresa delle ostilità, altri due former main event champion quali Joe Hachem e il mitico Chris Money maker, senza il quale, probabilmente, oggi non saremmo qui a scrivere.

1.098 passano dunque al Day3, ma la vera scrematura avverrà questa notte nel gremito Day2C che vedrà impegnati ben 35 portacolori: a domani! 😉

 

WSOP Main Event Day1C – Tra scosse e squalifiche… spunta Caramatti!

WSOP Main Event Day1C – Tra scosse e squalifiche… spunta Caramatti!

Saranno i postumi da ‘indipendence day‘, saranno i 40 gradi e le faglie del deserto, ma quanto accaduto nel venerdì di Las Vegas, durante il Day1C del Main Event WSOP 2019, resterà impresso davvero a lungo nella memoria di tutti gli addetti ai lavori…

Il terzo e ultimo flight del torneo dei tornei ha messo a referto circa 4.980 quote, che unite alle 2.900 dei primi due Day1 hanno issato il computo complessivo degli iscritti a quota 8.000 e rotti [Nella notte tutti i numeri ufficali, ndr.]. Non abbiamo sfondato gli 8.773 del 2006, ma è record per quel che concerne il numero di iscritti in un singolo Day.

La giornata è stata caratterizzata da eventi decisamente fuori scripta: dopo le avvisaglie di qualche giorno fa, la terra è infatti tornata a tremare. E questa volta si è sentito eccome: 7.1 della scala Richter, con tavoli e casinò che hanno iniziato a ballare. Fortunatamente nessuno pare essersi fatto prendere dal panico e la situazione è tornata alla normalità dopo qualche minuto di comprensibile agitazione.

A qualcuno, però, la scossa deve aver dato alla testa: stiamo parlando di Georgii Belianin e un altro player non ancora identificato che si sono meritati la massima pena sanzionatoria prevista per un torneo. Entrambi sono infatti stati giustamente squalificati per comportamenti a dir poco assurdi. Il primo ha cercato di rubare le chips ad un player in sit out alla sua sinistra, il secondo ha invece letteralmente rubato la scena denudandosi durante un all-in in the dark e lanciando una scarpa sopra il tavolo!

Altri 33 azzurri al Day2!

Passiamo dunque alla cronaca, con la prima grande notizia: il tricolore azzurro ha sventolato davvero alto! Il migliore dei nostri è Luigi Caramatti, capace d’incamerare la bellezza di 212.500 chips. Seguono a ruota Dario Marinelli a 183.600, Michele Guerrini a 170.500 e Gabriel Iemmito a 153.300: tutti e tre avranno oltre 190bb alla ripresa dei giochi. E non solo: i top player italici sono infatti ancora tutti in gioco! La triade composta da Speranza, Kanit, Sammartino, riesce a superare agevolmente questo turbolento flight e guida un vero e proprio plotone: ci sono infatti altri 26 azzurri ancora in corsa!

Tra questi segnaliamo Andrea Benelli (105.000), Domenico Gala (97.000), Massimo Mosele (85.800), Luigi Curcio (80.700), Alessandro Siena (76.600), Gabriele Lepore (56.600) e Walter Treccarichi, crollato a 25.100 nell’ultimo livello di giornata dopo aver addirittura toccato quota 125k.

Rifacendo bene i calcoli possiamo dire di avere ben 43 portacolori al Day2! [L’intero chipcount a fondo pagina]

Inaspettatamente deludente la performance di ‘sua maestà’ Phil Ivey che abbandona ogni velleità di vittoria dopo nemmeno un’ora di gioco: il 10 volte braccialettato finisce ai resti con nut flush draw ma non riesce a superare la doppia coppia avversaria.

Se da un lato c’è chi piange, dall’altro c’è ovviamente sorride. A 32 denti. E’ il caso di Mike McDonald che dopo un lungo periodo di assenza si è ripresentato a sorpresa per questo Main e ha addirittura chiuso con il secondo stack di giornata: 306.300 chips per ‘Timex’. Unico a far meglio del canadese, lo statunitense James Henson, chipleader di questo gigantesco Day1C con 316.100 gettoni.

Tra poche ore il Day2AB

Alle 21.00 italiane via al Day2AB che vedrà accorpati i player qualificatisi nei primi due flight. Domenica spazio al Day2C.

Facendo un breve recap sono 43 gli italiani che possono ancora (farci!) sognare nel torneo più prestigioso al mondo. Questo il count aggregato:

Luigi Caramatti 212.500
Dario Marinelli 183.600
Michele Guerrini 170.500
Gabriel Iemmito 153.300
Sergio Castelluccio 139.500
Alessio Di Cesare 137.500
Luca Vivaldi 135.000
Sergio Benso 127.600
Gianluca Speranza 126.000
Dario Sammartino 121.000
Mustapha Kanit 118.600
Germano Cervetti 107.600
Andrea Benelli 105.100
Doris Agnelli 99.500
Domenico Gala 97.000
Raffaele Sorrentino 94.100
Antonio Buonanno 91.900
Giovanni Petroni 87.700
Massimo Mosele 85.800
Marco Bognanni 81.300
Luigi Curcio 80.700
Gianluca Petrone 78.700
Alessandro Siena 75.600
Salvatore Mariconda 75.500
Eugenio Peralta 72.100
Diego Sobrino 62.100
Lorenc Puka 62.000
Silvio Crisari 61.000
Nicola Bracchi 57.500
Gabriele Di Giuseppe 57.200
Gabriele Lepore 56.600
Antonio Barbato 46.000
Davor Lanini 45.200
Mauro Suriano 43.600
Giovanni Camardella 41.400
Andrea Luigi Shehadeh 35.000
Fabrizio D’Agostino 34.200
Massimiliano Rosi 31.200
Walter Treccarichi 25.100
Federico Anselmi 20.500
Giulio Mascolo 20.100
Federico Butteroni 17.100
Antonio Patti 10.900