A Justin Bonomo va lo short deck! Yong crolla a un river dalla doppietta

A Justin Bonomo va lo short deck! Yong crolla a un river dalla doppietta

Se lo scorso anno ha incassato 24.900.000$ un motivo ci sarà. Il mattatore della stagione high stakes 2018 Justin Bonomo trova il guizzo da campione nell’ultimo evento delle stellari Triton Series di Londra e mette la sua firma nel 100.000£ Short Deck per una prima moneta da 2.670.000£.

Al termine di uno dei final table più spettacolari dell’intera kermesse, Bonomo riesce ad avere la meglio sul malese Wai Kin Yong, che deve così dire addio a un immaginifico back to back nei due più ambiti eventi del festival.

 

Wai Kin Yong

L’appassionante 3-handed

Dopo la precoce eliminazione di Ming Zhong Liu in settima piazza, Wain Kin Yong faceva fuori in un sol colpo due degli avversari più scomodi della partita: Rui Cao (10-J) e Ike Haxton (A-A) andavano direttamente all-in preflop, Yong chiamava con K-K prendendosi lo scalpo di entrambi su board KQ6 10 6.

L’eliminazione di Paul Phua in quarta piazza (A-K<A-Q) per 974.500£ lasciava dunque spazio a un 3-handed di caratura spaziale. A farsi valere, ancor più di quelli che saranno i due finalisti, è Liang Xu che sciorina un poker sopraffino azzeccando praticamente tutte le letture. Ahilui, la dea bendata non è dalla sua parte. Nel colpo che può portarlo in heads-up contro Bonomo, con un vantaggio di 4:1 in chips, Xu vede i suoi Kappa scoppiati dall’A-Q di Yong a causa di un malefico A river.

Xu si ritrova così a giocarsele tutte preflop con KQ contro il 910 di Bonomo: board 10106 76

Xiang Lu

Nel testa a testa conclusivo Wai Kin Yong parte con un vantaggio di 2:1 e si gioca il match point al 43% chiamando l’all-in 4x pot di Bonomo con 89 su flop 1096. Justin ha QJ.

L’A aumenta il numero di outs all’americano, che trova il raddoppio grazie a un J river.

Dopo un rocambolesco split (A-J per Yong, Q-J per Bonomo e board 896 10 Q), Justin chiude la partita: il suo KJ gioca al 49% contro l’A8 di Yong.

Flop: Q87

Turn: 10

River: J

Ancora un Jack di fiori. Con una semplice coppia di ganci Bonomo mette fine a un final table da oltre 10 ore di gioco e bissa il successo ottenuto nel Main Short Deck di Jeju di un anno fa. A Wai Kin Yong restano un pizzico di amaro in bocca, ma soprattutto 1.835.000£ in tasca!

Il payout

1 Justin Bonomo £2,670,000
2 Wai Kin Yong £1,835,000
3 Liang Xu £1,202,500
4 Paul Phua my £974,500
5 Isaac Haxton £783,000
6 Rui Cao £611,900
7 Ming Zhong Liu £482,200

 

Triton Millions – Zang batte Kenney in heads-up, assegno da 13.779.491£

Triton Millions – Zang batte Kenney in heads-up, assegno da 13.779.491£

Dopo 3 giornate di gioco intensissime, il Triton Million di Londra si conclude con un finale degno della miglior sceneggiatura hollywoodiana: Aaron Zang, assoluto underdog del final table, 6/8 alla riapertura delle buste, mette tutti in riga e si assicura il torneo più costoso mai giocato sul globo terracqueo.

Battendo in heads-up Bryn Kenney, il cinese si porta a casa trofeo e 13.779.491£. Ebbene sì: arrivati al testa a testa finale, i due si sono infatti accordati per un deal che a livello economico ha premiato soprattutto l’americano, che nonostante il secondo posto incassa addirittura 16.890.509£!

Con questa vincita, Kenney scalza in un sol colpo Daniel Negreanu e Justin Bonomo e si porta in vetta alla all time money list mondiale raggiungendo quota 55.505.630$ di vincite in tornei live.

Bryn Kenney

La cronaca

Il primo ad abbandonare la contesa, chiudendo in ottava piazza per 1.400.000£, è Timothy Adams, che si accorcia pesantemente dopo aver subito uno dei bluff più belli della partita: a metterlo in atto è Alfred DeCarolis che overshova river su J64 64. Adams folda 9-9 e Alfred mostra A-3 di quadri per un missed flush draw al flop.

Nonostante questa move di puro braccio, DeCarolis chiuderà 7° per 1.720.000£, schiantandosi con A-3 di cuori contro gli Assi di Stephen Chidwick.

Medesimo epilogo anche per Bill Perkins, che con il suo K-10 incoccia nei ‘pini’ di Kenney. Board liscissimo e 6° posto da 2.200.000£ per lui.

Il plot twist arriva dunque a 5 left quando Vivek Rajkumar e Dan Smith collidono per un pot da oltre 15.000.000 su flop 4109

Rajkumar ha 910, Smith JJ.

Turn: 3

River: J !

Il brutale scoppio condanna Rajkumar a fine certa. Rimasto con 14bb, Rajkumar va all-in con A-8 sull’open di Kenney, che ha ancora una volta A-A. Il board 1072 3 8 è una formalità. 4 left.

Vivek Rajkumar

In questo momento il count recita: Kenney 21.000.000, Smith 20.000.000, Chidwick 9.400.000, Zang 2.500.000. L’asiatico sembra essere l’agnello sacrificale prima di un 3-handed roboante. E invece, dopo una serie di all-in non chiamati da nessuno, Zang si ritrova ad avere J-7 su flop J97. Kenney ha A-J e lo mette ai resti, Aaron non si tira indietro e raddoppia su 10 turn e 6 river.

Passano appena 2 orbite e Zang raddoppia ancora, ribaltando completamente l’ordine del count: apertura del cinese con AK, call di Kenney con AJ, all-in per Dan Smith con 88, snappa Zang (per circa 10.000.000), folda Bryn.

Il board K J J 7 J regala un determinante 2-up all’asiatico. Smith deglutisce amaro e Kenney fa altrettanto, visto che avrebbe soltanto chiuso poker…

Travolto dall’action e poco aiutato dalle carte, Stephen Chidwick si ritrova a giocarsele tutte preflop con 7-7 contro il K-J di Kenney. K flop e nessun 7 tra le altre carte comuni. Il britannico saluti tutti con il consueto aplomb e si avvia alle casse per ritirare un assegno da 4.410.000£.

Stephen Chidwick

I blinds salgono e Smith, rimasto con appena 13bb, openshova con A10 e riceve il call di Kenney con Q10.

Board: QJ8 Q2. Siamo heads-up.

Dan Smith

Si arriva al testa a testa con Kenney che parte con un vantaggio di 5:1 nei confronti del suo avversario. Sembra tutto delineato verso l’ennesimo trionfo del fenomeno americano.

Una dozzina di mani interlocutorie ed ecco il primo all-in: 6-6 per Zang, K-Q per Kenney. Il board 1073 2 7 premia l’asiatico.

A questo punto i due optano per il deal che vi abbiamo anticipato in apertura. Il gioco si apre ancora di più, Zang ricuce l’intero gap e si porta in vantaggio.

I blinds sono 250.000/500.000. Zang apre a 1.000.000 con 58, Kenney difende con A6.

Il flop 843 lascia presagire quanto, effettivamente, accadrà: check/raise a 5.775.000 di Kenney sulla c-bet 2.000.000 di Zang che va tribetta all-in 28.000.000 senza pensarci un attimo. Bryn snappa per 25.000.000 totali e ci si gioca tutto nell’ennesimo lancio di moneta.

Turn: 9

River: K

Aaron Zang è campione, Bryn Kenney diventa il giocatore più vincente della storia del poker.

In un torneo in cui sono ballate cifre astronomiche è doveroso ricordare e sottolineare che ben 2.700.000£ sono state raccolte e donate in beneficenza. E questo non può che fare onore agli organizzatori e a tutti i partecipanti di questo epocale torneo di mezz’estate.

Photo Credits: Pokernews

Triton Million – Kurganov è l’uomo bolla! Rajkumar chipleader del FT

Triton Million – Kurganov è l’uomo bolla! Rajkumar chipleader del FT

Giornata a dir poco infuocata al London Hilton on Park Lane: il plotone dei 36 candidati al Triton Million si è assottigliato in maniera inesorabile. Quest’oggi saranno in 8 e otto soltanto i pretendenti alla prima moneta da 19.000.000£. Al cambio 20.757.484€. Ma procediamo con calma…

GLI OUT e LA BOLLA

Tra le tante eliminazioni di giornata una delle più cruenti è sicuramente quella di Danny Tang al quale non basta un set di 8 al flop: su board 10 2 8 A, Aaron Zang bet/snap calla con 10-10. Il river è una blank che costringe Tang ad abbandonare la contesa in visibile stato di shock.

Poco prima fine della corsa anche per Rui Cao, Rob Yong, Jason Koon e Ivan Leow.

Ma è a 3 tavoli left che accade di tutto, con alcuni dei più seri pretendenti al titolo costretti a dire addio ai propri sogni di gloria: è il caso di Mikita Badziakouski e Justin Bonomo, rispettivamente 18° e 17° a causa di un flip girato dall’altra parte.

14° piazza per Nick Petrangelo che rompe con J-J su 288, Vivek Rajkumar chiama con A10 e trova subito un magico Kal turn. Ininfluente 6 river e -2 dalla bolla.

Christoph Vogelsang chiude 13°: A-J < Q-Q e nessun miracolo nonostante un promettente gancio al flop.

Eccoci dunque al momento cruciale: la bolla milionaria.

Igor Kurganov openshova per 10 big blind con 1010, Bill Perkins chiama praticamente pari stack con JJ.

Si va a uno showdown che il russo difficilmente riuscirà a dimenticare.

Flop KJ5

Turn 9 che apre un’insperata possibilità di scala e colore…

 

River 2 che sgretola il sogno.

Il russo, protagonista da anni nei più prestigiosi circuiti del poker live internazionali, resta con meno di 1bb, raddoppia ma è costretto a indossare i nefandi abiti di bubble-boy la mano seguente. Come potrete evincere ed immaginare dalla sua espressione in copertina, bene ma non benissimo, visto che tra 0 e 1.100.000£ c’è una qual certa differenza…

THE MAGIC 8

Se da un lato qualcuno piange, dall’altro c’è chi gongola. Su tutti Vivek Rajkumar (in foto qui sopra), capace di costruire un impressionante stack da 18.000.000 in chips: 150bb alla riapertura delle buste! L’indiano è massive chipleader a 8 left ma subito dietro c’è il numero uno della all-time money list inglese nonché Player of The Year 2018 Stephen Chidwick. Il britannico potrà far valere uno stack da 9.790.000 pezzi.

Dietro grande equilibrio: Timothy Adams è terzo a 5.735.000, Bryn Kenney ne ha 5.540.000, l’outside Alfred DeCarolis segue a 5.455.000. Chiudono il lotto Aaron Zang a 5.060.000, Dan Smith a 2.350.000 e Bill Perkins a 2.000.000.

In The Money: Wai Leong Chan (9° per 1,200,000£), Chin Wei Lim (10° per 1,100,000£) e Winfred Yu (11° per 1,100,000£).

1 Timothy Adams 5,735,000
2 Bryn Kenney 5,540,000
3 Alfred DeCarolis 5,455,000
4 Vivek Rajkumar 18,000,000
5 Bill Perkins 2,000,000
6 Stephen Chidwick 9,790,000
7 Dan Smith 2,350,000
8 Aaron Zang 5,060,000

LO STREAMING

E’ partito il Triton Million for Charity: il torneo dal buy-in più caro di sempre!

E’ partito il Triton Million for Charity: il torneo dal buy-in più caro di sempre!

Se pensavate che la scarica di adrenalina regalataci da Dario Sammartino al Main Event delle World Series ci avesse saziato, vi stavate sbagliando di grosso.

La carovana del poker live high stakes si è infatti insediata a Londra e nel pomeriggio di ieri ha celebrato lo shuffle up and deal del torneo più costoso della storia del poker: stiamo parlando del Triton Million for Charity, evento da 1.050.000£, appena 1.112.000€ di buy-in!

Avete capito bene: un milione (a montepremi) e 112.000€ in beneficenza per un lotto di 54 giocatori, mix di professionisti e businessman perlopiù asiatici. Il circuito Triton ha infatti impazzato negli ultimi due anni e partendo da Jeju (Corea del Sud) è arrivato prima a Budva (Montenegro) e ora nella capitale del Regno Unito. Il torneo nasce sulla falsariga del mitico “One Drop” che Guy Laliberté ha promosso in questi anni al fine di distribuire acqua potabile nelle regioni del mondo più sfortunate.

IL FIELD

Ci sono tutti, o quasi. Come anticipato in apertura, il torneo è infatti su invito: i businessman hanno stilato una lista di professionisti adatti per l’occasione e in pochi sono mancati all’appello. Qualche riga più in giù scoprirete i nomi di tutti i partecipanti…

Vi anticipiamo da subito che non ci sono connazionali in gara ma la presenza di Luca Vivaldi come Torurnament Director è un orgoglio tutto italiano.

L’ACTION

…è partita subito fortissimo! Nonostante lo stack da 1.000.000 di chips con blinds da 60′ che partivano da 1.500/3.000, bb ante 3.000, c’è chi ha deciso di giocarsele tutte subito.

E’ il caso di Rick Salomon: l’ex marito multimilionario di Pamela Anderson, stacanovista di questi palcoscenici, è stato infatti eliminato nel secondo livello di gioco! Apertura di Salomon da middle position a 10.000, flat di Jiang da cutoff, tribet 30.000 per Andrew Pantling da bottone, 4-bet 110.000 per Salomon, chiama solo Pangling. Flop che recita QJ8 su cui Salomon c-betta 50.000. Pantling rilancia a 150.000, Salomon non ci pensa due volte e va direttamente all-in per 802.000 chips, ricevendo lo snap avversario.

Allo showdown: AK per Salomon, QQ per Pantling! Un 4e un 8 sanciscono la prematura dipartita di Rick (in foto qui sotto).

Rick Salomon

Fuori dai giochi in un battibaleno anche Tom Dwan, che le mette tutte in mezzo con AJ su board Q63 ma trova Timofey Kuznetsov con AQ. Turn e river bianchissimi e anche il buon ‘durrrr’ deve dire addio al suo milioncino.

Lo spot più spettacolare di giornata va in scena però in un 3-way che vede protagonisti Sam Trickett – numero uno della all-time money list britannica nonché runner-up del primissimo One Drop – Bryn Kenney e Stephen Chidwick.

Su board 347 J7 Trickett punta 16.000 su pot da 61.000, Kenney rilancia 102.000, Chidwick chiama. Sam ha in mano AJ e… decide di andare all-in per 485.000 chips! Forte di una combo iper blockerante e dello shot clock (25 secondi di tempo per ogni singola street), Sam mette massima pressione ai suoi avversari. Bryn ha 8 alta (6-8off) e non ha problemi a foldare rapidamente. Stephen usa un paio di timebank extensions per poi passare colore al J! (J8).

Nonostante questa magata Trickett non riuscirà a raggiungere il Day2 odierno: un coin flip contro Timothy Adams (J-J<A-K) lo condannerà all’eliminazione nell’ottavo livello di giornata.

IL CHIPLEADER

Al termine della prima giornata di giochi davanti a tutti c’è… Bill Perkins! Incredibile ma vero, il re delle folli prop bet milionarie (in foto qui sotto) conduce davanti a tutti a quota 3.560.000. Seguono l’ex ‘Rome Emperor’ Timothy Adams (3.095.000) e Dan Smith (2.810.000).

A far schizzare in orbita il fedele amico di Dan Bilzerian, un cooler incredibile con Elton Tsang e Bobby Baldwin. I tre rompono su flop 1023. Baldwin ha A10, Tsang ha 33, Perkins 1010!!!

 

Bill Perkins

In top 10 anche Nick Petrangelo (5° a 2.700.000), Justin Bonomo (8° a 2.050.000) e Igor Kurganov (9° a 2.015.000).

Ancora in corsa anche Chidwick, Vogelsang, Greenwood, Tony G, Jason Koon e Mikita Badziakouski.

Oltre ai player sopracitati, tra i player out segnaliamo il maghetto tedesco Fedor Holz (combo draw missato), Leon Tsoukernik, David Peters e Daniel Cates.

I 36 left si daranno battaglio quest’oggi a partire dalle 15.00! Solamente in 11 andranno a premio

Segui la diretta, cliccando qui sotto, su Twitch:

Guarda il video live di TritonPoker su www.twitch.tv